Mamma che Storia

Cari amici, per raccontarvi di mammaLIEVITO bisogna partire dalla storia di 4 ragazzi che vivono a Milano, che lavorano in mondi diversi, che hanno caratteri diversi e che per certi versi pensano che 2 + 2 = 5


Ve la voglio raccontare dandovi un’idea delle loro vite, dei loro caratteri e di cosa stanno facendo per far sì che mammaLIEVITO diventi LA MIGLIOR PIZZA DELIVERY DELLA CITTÀ !


Partiamo da Giuliano,per gli amici Mex. E’ siciliano direi più nell’animo che nella carta d' identità,è onesto, leale ed educato (provare per credere).

A mammaLIEVITO si occupa di gestione della produzione e, se devo esser del tutto onesto, di questo un po’ ne capisce.

Ha la fortuna di appartenere a una famiglia con una lunga tradizione panettiera e fino a 20 anni lavora nel laboratorio di casa dove segue i turni notturni, che sono i più duri ma anche quelli più divertenti. Quando il papà vende il negozio e torna in Sicilia, Giuliano ha in mente un percorso ben preciso:fare prima esperienza come dipendente di pizzeria e poi poter lanciare la sua attività.

Ma se Mex è bravo a lavorare le farine, sicuramente non lo è altrettanto nelle scelte gestionali: a licenziamento fatto si mette in società con Tommaso e con lui apre il primo negozio; purtroppo non posso mettervi una foto ma per darvi un’idea ve lo descriverei come un misto tra un kebabbaro di quartiere e un pizzettaro di provincia; risultato dopo 1 anno = €30.000 di perdite.


Giulio, è di Milano,ha 31 anni ed è anche molto bello, simpatico e intelligente (parola di narratore) ma se dovessi scegliere un aggettivo che più di tutti lo descrive,vi direi irrequieto - quell’ irrequietezza che non si sa se faccia bene o male ma che sicuramente smuove, ahimè sia mentalmente che fisicamente.

Laurea capta, comincia a lavorare come da brava pecora bocconiana in una società di consulenza per poi proseguire nel settore farmaceutico.

Cippi però (così lo chiamano gli amici) non è soddisfatto perché sente di non esser padrone del proprio tempo e ha in testa il mantra del suo miglior amico Eugenio: vivere il lavoro come passione e divertimento.

A inizio 20e18 dopo anni di tentativi e qualche successo (GiovedìDivina uber alles) decide di buttarsi nel food deliverye… din don suonano le campane – la Pizza è il prodotto più ordinato nel mercato del delivery e il suo vecchio amico Giuliano sta litigando con il socio Tommaso dopo i “fantastici” risultati del primo anno di attività!


Se la trattativa perla creazione della nuova società è estenuante, il lancio dell’attività lo è ancora di più: Giulio sta concludendo la preparazione dell’ Ironman e con difficoltà riesce a seguire il lavoro ordinario, l’avvio di mammaLIEVITO e gli allenamenti.

Siccome però non vuole rinunciare a nulla, grazie al suo spirito di iniziativa decide di andare in consegna in bici tutte le sere combinando la salita al piano del cliente di corsa per allenare il cambio bici/corsa fondamentale durante la gara !


Nicoletta, è quella che avrà la descrizione più breve, non perché non abbia una vita interessante ma solo perché dei 4, è l’amica che ha il ruolo meno operativo ma più da mammaMOTIVATRICE sia economica che spirituale.

Lei è architetto di professione ma, la sua vera passione è la pittura (Instagram LillaRezia) motivo per cui in mammaLIEVITO si occupa di curare l’immagine di prodotti, loghi e design del laboratorio.


Alessandro, detto anche l’perugino (in questo caso più per carta di identità che per carattere) è l’amico che dei 4 che rimane per più nelle retrovie, un po’ il socio fancazzista direi! Da brava pecora (NON bocconiana) prova a fare il consulente di business di aziende consumer e retail ma, in realtà, fin da piccolo la pizza è la sua vera grande passione: ore e ore passate nei ristoranti a guardare pizzaioli per poi mettere in scena tragiche repliche domestiche seguite da “gioia”di nonni e parenti!

Il suo vero ruolo,tuttavia, è esser l’amico di Giulio e quindi quello che non può non supportarlo(o sopportarlo) nel momento in cui Giulio decide di dar benzina alla sua irrequietezza di vita ..


Cari amici qui concludo il prologo della nostra storia -  i primi capitoli arriveranno a chiusura del primo bilancio d’esercizio previsto per febbraio 20e19… dove speriamo che 2 + 2 faccia davvero 5 !!